The INGV website announces the SAVEMEDCOASTS 2 project: "Aumento del livello marino, al via la seconda fase progetto europeo SAVEMEDCOASTS" (in italian)

 

Below, the link to the INGV press office that published the news:

http://www.ingv.it/it/stampa-e-urp/stampa/comunicati-stampa/4397-aumento-del-livello-marino-al-via-la-seconda-fase-progetto-europeo-savemedcoasts

 

L’INGV ospita il kick off meeting di SAVEMEDCOASTS-2, la seconda fase operativa del progetto europeo volto a mitigare i rischi legati agli effetti di aumento del livello marino sulle zone costiere del Mediterraneo

Si terrà oggi, 15 gennaio, nella Sede di Roma dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) l’incontro tra i partner che darà ufficialmente il via alla seconda fase operativa del progetto europeo SAVEMEDCOASTS, partita lo scorso 2 dicembre 2019. Obiettivo del progetto, prevenire gli effetti dell’aumento del livello marino globale per la fine di questo secolo, causato dai cambiamenti climatici.

SAVEMEDCOASTS-2 (Sea Level Rise Scenarios along the Mediterranean Coasts-2), prosegue quindi le attività del precedente progetto SAVEMEDCOASTS realizzato fra il 2017 e il 2019, ed è nuovamente coordinato dall’INGV con finanziamenti erogati dalla European Union Humanitarian Aid and Civil Protection (DG-ECHO) per il biennio 2019-2021, proponendosi come sostenitore della protezione civile europea nella valutazione dei rischi costieri

“Tra le attività previste dal progetto”, spiega Marco Anzidei, ricercatore INGV e coordinatore di SAVEMEDCOASTS-2, “sensibilizzare le comunità costiere sugli effetti dell'aumento del livello marino causato dai cambiamenti climatici e dalla subsidenza in zone specifiche del Mediterraneo, integrando quindi le proiezioni climatiche nella gestione dei disastri naturali”.

Nel corso dell’incontro di oggi, i partner INGV, ISOTECH (Cipro), CGIAM (Italia), AUTH (Università di Salonicco, Grecia), CTTC (Spagna), Fondazione CMCC (Italia) e FARBAS (Italia) e Comune di Venezia (Italia) discuteranno le attività progettuali, in particolare l’utilizzo dei dati satellitari e topografici che verranno analizzati insieme ai dati climatici dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) e di altre ricerche indipendenti per realizzare scenari di rischio in aree specifiche, informando i soggetti interessati.

“In questa seconda fase del progetto”, prosegue Anzidei”, “gli sforzi saranno concentrati su alcuni dei principali delta fluviali e zone lagunari del Mediterraneo, dove la subsidenza naturale e antropica accelera gli effetti dell’ingressione marina, con conseguenti maggiori rischi di sommersione di tratti costieri ad alto valore naturale ed economico ed effetti a cascata sulle attività umane”.

In particolare, con il Comune di Venezia, partner del progetto, saranno valutati i nuovi scenari attesi per questa città costiera da qui al 2100 per preparare la popolazione alle emergenze come quella dello scorso novembre 2019, quando il livello marino ha raggiunto i 188 cm di altezza.

Poiché gli effetti esercitati da mareggiate, alluvioni, erosione costiera e tsunami saranno amplificati con un livello marino più alto di quello attuale, SAVEMEDCOASTS-2 si propone di mitigare questi rischi, fornendo scenari multi-temporali dell’ingressione marina per i prossimi decenni, preparando le persone e i soggetti politici ad affrontare questi cambiamenti anche attraverso campagne di sensibilizzazione ed educazione mirate.

#ingv #savemedcoasts #europeanunion #protezionecivile #climatechange

Facebook

facebook module joomla

Loading script and Flickr images

SAVEMEDCOASTS YouTube Channel

Click on the menu at the top left to open the play list.
 
Enjoy our videos!

Follow us on

facebook logo

logo twitter trasp 220

logo youtube trasp

logo flickr

Project reference: 874398

Disclaimer:

“The content of this website represents the views of the authors only and is their sole responsibility. The European Commission does not accept any responsibility for use that may be made of the information it contains.” 

bandiera ECFunded by European Commission
Directorate-General Humanitarian Aid and Civil Protection
DG-ECHO GA874398